Federico Moccia: Tre metri sopra il cielo, Ho voglia di te, Scusa ma ti chiamo amore - Il Colle di Scipio

Il Colle

di Scipio

 

 

Federico Moccia

Home Su

 

 

Federico Moccia

 

Federico Moccia: i Romanzi

 

Lo scrittore romano Federico Moccia

 

Federico Moccia nato a Roma nel 1963

figlio di Giuseppe Moccia, meglio conosciuto con il nome di Pipolo, sceneggiatore cinematografico famoso in coppia con Castellano, uno scrittore italiano autore di romanzi di successo diventati un vero e proprio cult tra i giovanissimi .

Lavora per il cinema come sceneggiatore e per la televisione come autore di testi per grosse produzioni dell'area intrattenimento.

Nel 1992 ha scritto il suo primo libro romanzo "Tre metri sopra il cielo", dal quale stato tratto un film nel 2004. Federico Moccia non trov subito una casa editrice disposta a pubblicare il suo romanzo d'esordio fin quando la Feltrinelli decise di pubblicarlo, ma con una tiratura di poche copie. In poco tempo le copie andarono esaurite e cominciarono ad essere fotocopiate dai giovani lettori che si appassionavano sempre di piu. Notando l'enorme successo, la Feltrinelli propose all'autore una nuova edizione che vide la luce nel 2004.

Federico Moccia, con il libro Tre metri sopra il cielo, ha vinto il Premio Torre di Castruccio, sezione Narrativa 2004 e il Premio Insula Romana, sezione Giovani Adulti 2004. Il romanzo stato venduto in tutti i paesi d'Europa e persino in Giappone e Brasile.

Nel 2006 esce il suo secondo romanzo "Ho voglia di te" (Feltrinelli), da cui viene tratto l'omonimo film l'anno seguente, e nel 2007 "Scusa ma ti chiamo amore" edito da Rizzoli.

 

Fonte:

Wikipedia l'Enciclopedia libera - link permanente

 

 

 

Bibliografia:

1992 - Tre metri sopra il cielo (incipit e finale)

2006 - Ho voglia di te (incipit e finale)

2007 - Scusa ma ti chiamo amore (incipit)

2007 - Cercasi Niki disperatamente (incipit)

2007 - La passeggiata (incipit)

 

 

 

Links:

 

 

 

Tre Metri Sopra il Cielo

Romanzo - Feltrinelli Editore

Incipit e finale

"Cathia ha il pi bel culo d'Europa." Il rosso graffito splende in tutta la sua sfacciataggine su una colonna del ponte di Corso Francia. Vicino, un'aquila reale, scolpita tanto tempo fa, ha sicuramente visto il colpevole, ma non parler mai. Poco pi sotto, come un piccolo aquilott protetto dai rapaci artigli di marmo, c' seduto lui. Capelli corti, quasi a spazzola, sfumatura dietro il collo come quella di un marine, un giubbotto Levi'sCopertina di "Tre metri sopra il cielo" ed. Feltrinelli chiaro. Il colletto tirato su, una Marlboro in bocca, i Ray-Ban agli occhi. Ha un'aria da duro, anche se non ne ha bisogno. Un sorriso bellissimo, ma sono pochi quelli che hanno avuto la fortuna di apprezzarlo.

...

"Mamma, ho fame!" "Prima cambiati il costume e poi ti do la pizza." Allora sua madre lo avvolge con un grosso asciugamano. Glielo tiene sulle spalle sorridendo. Lui si sfila ubbidiente il costume. Poi, timoroso di restare nudo, si infila subito quello asciutto. Cerca di non sporcarlo con la sabbia bagnata e pi scura che l sulle sue caviglie. Non ci riesce. Sorride ugualmente. Sua madre lo bacia. Ha delle labbra morbide e calde e un profumo di sole e di crema. Step corre via felice, con il suo pezzo di pizza bianca in mano. Morbido, ancora caldo, con il bordo croccante, proprio come piace a lui. Piano piano la moto inizia a curvare. ora di tornare a casa. ora di ricominciare, lentamente, senza strappi al motore. Senza troppi pensieri. Con un'unica domanda. Torner mai lass, in quel posto cos difficile da raggiungere. L, dove tutto sembra pi bello. E nello stesso istante in cui se lo chiede, purtroppo, sa gi la risposta.

 

Locandina del film "Tre metri sopra il cielo" 2004

Locandina del film "Tre metri sopra il cielo" (2004) di Luca Lucini

Con Katy Louise Saunders, Mauro Meconi, Maria Chiara Augenti, Riccardo Scamarcio, Giulia Gorietti, Ivan Bacchi, Claudio Bigagli, Galatea Ranzi.

 

Links interessanti:

 

 

Ho Voglia di Te

Romanzo - Feltrinelli Editore

Incipit e finale

Copertina di "Ho voglia di te";  Ed. Feltrinelli"Voglio morire." Questo quello che ho pensato quando sono partito. Quando ho preso l'aereo, appena due anni fa. Volevo farla finita. S, un semplice incidente era la cosa migliore. Perch nessuno avesse colpe, perch io non dovessi vergognarmene, perch nessuno cercasse un perch... Mi ricordo che l'aereo ha ballato per tutto il viaggio. C'era un temporale e tutti erano tesi e spaventati. Io no. Io ero l'unico a sorridere. Quando stai male, quando vedi nero, quando non hai futuro, quando non hai niente da perdere, quando... ogni istante un peso. Immenso. Insostenibile. E sbuffi in continuazione. E vorresti in tutti i modi liberartene. In qualsiasi modo. Nel pi semplice, nel pi vigliacco, senza rimandare a domani di nuovo questo pensiero: lei non c'. Non c' pi. E allora, semplicemente, vorresti non esserci pi anche tu. Sparire. Puff. Senza troppi problemi, senza dare fastidio. Senza che qualcuno si preoccupi di dire: "Oh, ma hai saputo? s, proprio lui... Non sai che fine ha fatto...".

...

Quando salgo sulla moto ormai il tramonto. E proprio in quel momento la vedo tornare. Gin. Con la sua guida veloce, cos come lei. Segue la curva con la testa, canticchia la canzone che sta ascoltando in quel momento. Chiss qual . Ma sembra di nuovo allegra. Come sempre. Come l'avevo lasciata. Bella del suo sorriso, della vita che ha, dei sogni che rincorre, dei limiti che non conosce. Libera. Libera da tutto quello che non le interessa e anche di pi. E allora mi allontano cos, vedendola stupita, mentre sorride. E sono felice. Come non ero da tanto... Colpevole solo di quella scritta. Immensa. Su tutto il suo palazzo di fronte. Splendida, diretta, vera. E ora non ho pi dubbi. Non ho rimorsi, non ho pi ombre, non ho peccato, non ho pi passato. Ho solo una gran voglia di ricominciare. E di essere felice. Con te Gin. Sono sicuro. S, proprio cos. Vedi, l'ho anche scritto. Ho voglia di te.

 

Locandina del film "Ho voglia di te" (2007) con Riccardo Scamarcio

Locandina del film "Ho voglia di te" (2007) di Luis Prieto

Con Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Katy Louise Saunders, Filippo Nigro, Susy Laude, Giulia Elettra Gorietti, Ivan Bacchi, Luigi Petrucci, Caterina Vertova, Claudio Bigagli, Galatea Ranzi.

 

Links interessanti:

 

 

Scusa ma ti chiamo amore

Romanzo - Rizzoli

Incipit

Notte. Notte incantata. NotteCopertina di "Scusami ma ti chiamo amore". Ed. Rizzoli dolorosa. Notte folle, magica e pazza. E poi ancora notte. Notte che sembra non passare mai. Notte che invece a volte passa troppo in fretta. Queste sono le mie amiche, cavoliForti. Sono forti. Forti come Onde . Che non si fermano, Il problema sar quando una di noi si innamorer sul serio di un uomo. "Ehi, aspettate ci sono anch'io!" Niki le guarda, una dopo l'altra. Sono a via dei Giuochi Istmici. Hanno la miniauto Aixam con gli sportelli aperti e, con la musica a palla, improvvisano una sfilata di moda. "E dai, vieni allora!" Olly cammina come una pazza su e gi per la strada. Volume al massimo e occhiali a fascia. Sembra Paris Hilton. Un cane abbaia a distanza. Arriva Erica, grande organizzatrice. Prende quattro bottiglie di Corona. Appoggia i tappi sul bordo di una ringhiera e, dando dei cazzotti, li fa saltare via uno dopo l'altro. Tira fuori un limone dallo zainetto e lo taglia. "Ehi, Erica, ma quel coltello, se ti beccano, mano di quattro dita?"

...

Poster del film di Federico Moccia "Scusa ma ti chiamo amore" con Raoul Bova e Michela Quattrociocche

Poster del film di Federico Moccia "Scusa ma ti chiamo amore" con Raoul Bova e Michela Quattrociocche

 

 

Cercasi Niki disperatamente

Romanzo - Rizzoli

Incipit

Primi giorni di scuola Copertina del libro "Cercasi Niki disperatamente"

Sto guidando. Passo in via dei Giuochi Istmici, vicino al Liceo Scientifico. Auto, moto, colori, traffico di una citt allora di pranzo. Alcuni studenti stanno camminando coi loro zaini non troppo pieni sulle spalle. Chiss se anche Niki, Erica, Olly e Diletta hanno zaini simili. Chiss se in questo momento stanno uscendo da scuola o se, per qualche assemblea, sono gi fuori da un po. Fa caldo oggi. Una di quelle mattine di aprile in cui stai a maniche corte e pantaloncini. Un anticipo destate. E provo a immaginare... Quattro ragazze stanno sfilando divertite su un marciapiede di Roma, il marciapiede di via dei Giuochi Istmici. E si atteggiano a modelle. S, una pi sfacciata, le altre la guardano e ridono. Le vedo, ora, qui, buffe e un po esagerate. Le vedo bere quattro bottiglie di Corona con la fetta di limone infilata nel collo di vetro. Le ascolto parlare. Le lega qualcosa di forte. Si capisce subito. la prima scena di Scusa ma ti chiamo amore. Ma voglio capirne di pi. E allora vado indietro. Pi indietro, nel tempo.

...

 

 

 

 

Puoi contattarmi su Skype:

Skype Me!

Pagine principali:

Home Collescipoli Andar per sagre Umbria in costume Cene Medievali Segnalibri Libri in 2 righe C'era una volta... Filastrocche ecc Al Bar o ... Links Guestbook