Charles Dickens: la vita e le opere - Il Colle di Scipio

Il Colle

di Scipio

 

 

Charles Dickens

Home Su Il Circolo Pickwick

 

 

Charles Dickens

 

 

Charles Dickens:

la vita e le opere

Lo scrittore inglese Charles Dickens

 

Breve biografia

 

Charles Dickens, scritore inglese (Portsmouth, 1812; Gad's Hill, Kent, 1870)

Di famiglia piccolo borghese, oppressa dai debiti (per questo motivo il padre and anche in carcere), fu costretto a interrompere gli studi e a lavorare ancora adolescente; questa precoce esperienza di umiliazione e abbandono rivivr in molti suoi romanzi. Fu commesso e impiegato, poi cronista e collaboratore di giornali umoristici finch, divent improvvisamente uno scrittore di successo con Il circolo Pickwick (1836-37). Dotato di straordinaria inventiva linguistica e narrativa, la sua popolarit aument con i romanzi successivi (Oliver Twist, 1837-38; David Copperfield, 1849-50), che uscivano a dispense mensili, legati allo scenario del primo industrialismo e ai suoi problemi sociali, ai gusti melodrammatici e ai pregiudizi moralistici della borghesia urbana, e caratterizzati da un vivo senso dello humour e da una felice mistura di tragico e comico, grottesco e quotidiano. Le sue opere successive acquistarono un tono pi pessimistico e incisivo (Casa desolata, 1852; Tempi difficili, 1854), uno spessore psicologico pi profondo (La piccola Dorrit, 1855-57; Grandi speranze, 1860-61), fino al cupo espressionismo di Il nostro comune amico (1864-65), il suo romanzo pi complesso e disperato. A dispetto della straordinaria popolarit dei suoi romanzi, la fortuna critica di Dickens stata piuttosto discontinua; riconosciuto ora il massimo narratore inglese del suo tempo e uno tra i maggiori d'ogni paese, egli cre una nuova forma letteraria, il romanzo sociale, nel quale fuse e svilupp i due grandi filoni della narrativa inglese: quello picaresco e avventuroso e quello sentimentale.

 

 

Cronologia delle opere

 

 

Links interessanti:

 

 

 

Locandina del film "Oliver Twist" di Roman Polanski

 

Il Circolo Pickwick 

(The Posthumous Papers of the Pickwick Club)

Traduzione di Gianna Lonza

La trama

Romanzo di Charles Dickens (1837), nato dalla proposta dell'editore Chapman & Hall di fornire un testo, a puntate mensili, alle vignette sportive di Robert Seymour. Senza legarsi a una trama vera e propria, l'autore and via via arricchendo il romanzo di una fitta schiera di personaggi caricaturali e picareschi: eccentrici, ciarlatani e bricconi. Le loro avventure sono in vario modo collegate a quelle del protagonista, Mr. Pickwick, presidente di un circolo da lui fondato, e del suo domestico Sam Weller (la cui comparsa, alla quinta puntata, assicur il successo dell'opera): coppia artisticamente felicissima, in cui i caratteri opposti dell'idealista Pickwick e del realistico ed esuberante Weller danno vita a una delle massime realizzazioni dell'umorismo inglese. Al centro del romanzo il processo che Mr. Pickwick deve subire, da parte della sua padrona di casa Mrs. Bardell, per rottura di promessa di matrimonio: si tratta di un equivoco e Pickwick ne fa le spese, venendo ingiustamente condannato, ma ci serve all'autore di pretesto per descrivere il corrotto ambiente giudiziario e forense inglese, con una pittura ambientale e di costumi di eccezionale profondit artistica.

torna su

 

"Il Circolo Pickwick", 1836 - Illustrazione di Robert Seymour per la prima edizione - Parigi, Bibliothque Nationale

 "Il Circolo Pickwick", 1836 - Illustrazione di Robert Seymour per la prima edizione - Parigi, Bibliothque Nationale

I personaggi (in ordine alfabetico):

MISS ALLEN, zia di Arabella Allen
ARABELLA ALLEN, l'affascinante sorella di Ben Allen
BENJAMIN ALLEN, fratello di Arabella, studente di medicina, amico di Bob Sawyer
MR AYRELSLEIGH, debitore di mezza et trattenuto nell'ufficio di Mr Namby
JACK BAMBER, amico di Mr Lowten, racconta La storia dello strano cliente
ANGELO CYRUS BANTAM, Esquire, M.C., l'elegante Maestro di cerimonie di Bath
MARTHA BARDELL, piacente vedova, padrona di casa di Mr Pickwick
TOMMY BARDELL, figlio di Mrs Bardell
BETSY, domestica di Mrs Raddle
PRINCIPE BLADUD, l'infelice figlio di re Lud
MR BLOTTON (di Aldgate), polemico membro del Circolo Pickwick
CAPITANO BOLDWIG, fiero proprietario terriero
AVVOCATO BUZFUZ, difensore della parte attrice nella causa Bardell contro Pickwick
ELIZABETH CLUPPINS, amica di Mrs Bardell
COMMESSO VIAGGIATORE, uomo simpatico e spiritoso che sa raccontare
MRS CRADDOCK, padrona di casa di Mr Pickwick a Bath
TOM CRIPPS, fattorino di Bob Sawyer a Bristol
MR DODSON, procuratore della parte attrice, un ometto grassottello, dall'aria affaccendata
MR DOWLER, ex ufficiale dell'esercito, di fiero aspetto, in visita a Bath insieme ai ickwickiani
MRS DOWLER, la simpatica e graziosa moglie di Mr Dowler
MR DUBBLEY, capo del corpo di agenti speciali di Ipswich
JOHN EDMUNDS, il forzato protagonista della storia Il ritorno del forzato
HORATIO FIZKIN, Esquire, di Fizkin Lodge, candidato Giallo al Parlamento
WILKINS FLASHER, agente di borsa
MR FOGG, procuratore per la parte attrice, uomo anziano dalla faccia brufolosa, il tipo del vegetariano
GOODWIN, domestica e complice di Mrs Pott
GABRIEL GRUB, becchino scontroso, portato via dai folletti
DANIEL GRUMMER, agente speciale di Ipswich
MR GUNTER, invitato di Bob Sawyer
MR HARRIS, ossequioso erbivendolo di Bath
GEORGE HEYLING, lo strano cliente dall'animo vendicativo
JACK HOPKINS, studente di medicina e amico di Bob Sawyer
LUD HUDIBRAS, potente re di Britannia
ANTHONY HUMM, presidente della Lega antialcolica di Ebenezer, sezione di Brick Lane
LEO HUNTER, il compassato marito di Mrs Hunter, La Tana, Eatanswill
MRS HUNTER, padrona di casa e autrice dell'Ode a una rana morente
JEM HUTLEY (Jemmy il Mesto), allampanato attore povero, fratello di Job Trotter
MR JACKSON, impiegato dello studio Dodson & Fogg
ALFRED JINGLE, attore itinerante
MR JINKS, impiegato di Mr Nupkins
JOE (il ragazzotto grasso), domestico di Mr Wardle, che mangia e dorme a dismisura
JOHN, il guitto morente, protagonista del Racconto di un saltimbanco
MR LOBBS, ricco sellaio di carattere irascibile
MARIA LOBBS, la ridente figlia dagli occhi neri di Mr Lobbs
MR LOWTEN, impiegato di Mr Perker
PETER MAGNUS, corteggiatore geloso di Miss Witherfield
MR MARTIN, lo scontroso stalliere della zia di Arabella
JACK MARTIN, zio del commesso viaggiatore guercio
MARY, la graziosa servetta al servizio di Mr Nupkins e successivamente di Arabella Allen
MR MILLER, l'ometto cocciuto, ospite a Dingley Dell
MR MILVINS (Zefiro), prigioniero nella Fleet
MUZZLE, lacch di Mr Nupkins, amico della cuoca
MR NAMBY, vicesceriffo dall'abbigliamento vistoso
MR NODDY, ospite di Bob Sawyer
MRS NUPKINS, moglie altezzosa e bisbetica di Mr Nupkins
GEORGE NUPKINS, Esquire, sindaco e magistrato capo di Ipswich
HENRIETTA NUPKINS, la figlia ambiziosa di Mr Nupkins
PASTORE di Dingley Dell, signore calvo, simpatico, pieno di bonomia
DOTTOR PAYNE, del 43 reggimento, amico del dottor Slammer
SOLOMON PELL, omaccione asmatico, procuratore presso la corte dei debitori insolventi
MR PERKER, procuratore del Gray's Inn, rappresenta Mr Pickwick nella causa Bardell ed agente elettorale di Mr Slumkey a Eatanswill
MR PHUNKEY, procuratore dell'avvocato Snubbin nella causa Bardell contro Pickwick
SAMUEL PICKWICK, uomo d'affari a riposo, fondatore del Circolo Pickwick
NATHANIEL PIPKIN, maestro parrocchiale, ometto innocuo e inerme, innamorato di Maria Lobbs
MR POTT, polemico direttore della Gazzetta di Eatanswill
MRS POTT, moglie di Mr Pott, donna prepotente, soggetta a crisi isteriche
MR PRICE, giovanotto rozzo e volgare, trattenuto nell'ufficio di Mr Namby
PRUFFLE, domestico di un anziano signore con il pallino della scienza
MR RADDLE, marito spaurito di Mrs Raddle
MARY ANN RADDLE, padrona di casa di Bob Sawyer a Lant Street; sorella di Mrs Cluppins
MRS ROGERS, inquilina di Mrs Bardell
TOM ROKER, secondino della Fleet
MRS SUSANNAH SANDERS, amica grassa di Mrs Bardell; ha un gran faccione
BOB SAWYER, rumoroso studente di medicina; in seguito titolare di uno studio a Bath
FRANK SIMMERY, signore che ama scommettere
DOTTOR SLAMMER, medico del 97 reggimento, caserma di Chatham
Onorevole SAMUEL SLUMKEY, di Slumkey Hall, candidato Blu per il Parlamento
MR SLURK, direttore dell'Indipendente di Eatanswill
TOM SMART, viaggiatore di commercio per la ditta Bilson e Slum, amico dello zio del commesso viaggiatore
JOHN SMAUKER, lacch di Angelo Cyrus Bantam, M.C.
MR SMOUCH, aiutante scalcagnato di Mr Namby
AUGUSTUS SNODGRASS, aspirante poeta, ex pupillo di Mr Pickwick
Avvocato SNUBBIN, difensore di Mr Pickwick
MR STARELEIGH, giudice nella causa Bardell contro Pickwick
Reverendo MR STIGGINS, vicepastore dal naso rosso
Tenente TAPPLETON, il secondo del dottor Slammer
MISS TOMKINS, direttrice del convitto per signorine
JOB TROTTER, domestico di Mr Jingle
MR TRUNDLE, genero di Mr Wardle, marito di Isabella
MR TUCKLE (Tizzone Ardente), lacch a Bath
TRACY TUPMAN, robusto e romantico scapolo di mezz'et
MR WARDLE, generoso e ospitale proprietario di Manor Farm, Dingley Dell
MRS WARDLE, madre di Mr Wardle, saltuariamente sorda
EMILY WARDLE, vivace e civettuola figlia di Mr Wardle
ISABELLA WARDLE, simpatica e attraente figlia di Mr Wardle, moglie di Mr Trundle
RACHAEL WARDLE, sorella zitella di Mr Wardle, di et incerta
SAMUEL WELLER, lustrascarpe nella locanda del Cervo Bianco in seguito domestico di Mr Pickwick
SUSAN CLARKE WELLER, seconda moglie di Tony Weller, matrigna di Sam Weller, padrona della locanda Marchese di Granby a Dorking
TONY WELLER, omaccione dalla faccia rossa, padre di Sam Weller, vetturino
MR WHIFFERS, lacch in livrea arancione
MR WINKLE senior, mercante di Birmingham
NATHANIEL WINKLE, sportivo dilettante
MISS WITHERFIELD, signorina di mezza et con i bigodini gialli

torna su

 

Il Circolo Pickwick

Incipit e finale

I I MEMBRI DEL CIRCOLO PICKWICK

Il primo raggio di luce che dissipa l'oscurit e tramuta in fulgido chiarore le tenebre - fitte, fitte - intorno agli albori della carriera pubblica dell'immortale Pickwick, scaturisce da una riflessione sulla seguente relazione allegata agli Atti del Circolo Pickwick. E tale relazione il curatore di queste pagine si compiace in massimo grado di proporre ai lettori, a testimonianza dell'accuratezza scrupolosa, dell'indefesso studio, del ponderato discernimento che hanno contraddistinto le ricerche fra la gran massa di documenti a lui affidati. 12 maggio, 1827. Presidente Joseph Smiggers, Esquire, VPPMCP. All'unanimit viene votata la seguente risoluzione: Con illimitato compiacimento e incondizionato plauso questa Associazione prende atto della relazione di Samuel Pickwick, Esquire. PGMCP, dal titolo: Riflessioni sulle scaturigini degli stagni di Hampstead con alcune note sulla teoria dei lumaconi. Al detto Samuel Pickwick, Esquire, PGMCP, questa Associazione porge i pi sentiti ringraziamenti per quanto sopra. Questa Associazione, attenta e profondamente sensibile ai vantaggi che verranno alla scienza dalla succitata relazione - nonch dalle indefesse ricerche condotte da Samuel Pickwick, Esquire, PGMCP, a Hornsey, Highgate, Brixton, Camberwell - non pu esimersi dall'esprimere profonda soddisfazione per gli inestimabili benefici di cui, senza dubbio, si avvarranno il progresso della conoscenza e la diffusione della cultura se questo illustre dotto amplier l'ambito della propria ricerca speculativa, estender la portata dei suoi viaggi, allargher, di conseguenza, il proprio raggio di osservazione. Visto quanto sopra, questa Associazione ha attentamente valutato la proposta avanzata dal detto Samuel Pickwick, Esquire, PGMCP, e da altri tre soci del Circolo, qui di seguito indicati, per costituire una nuova sezione di Pickwickiani Uniti, denominata Inviati speciali del Circolo Pickwick. Questa Associazione autorizza e approva tale proposta. Con il presente atto viene perci costituita la sezione degli Inviati speciali del Circolo Pickwick e vengono eletti e nominati membri della stessa Samuel Pickwick, Esquire, PGMCP, Tracy Tupman, Esquire, MCP, Augustus Snodgrass, Esquire, MCP, Nathaniel Winkle, Esquire, MCP. I citati soci si impegnano a inoltrare, di volta in volta, al Circolo Pickwick, con sede a Londra, rapporti vidimati e autenticati che attestino i viaggi fatti e le ricerche svolte, che riportino i giudizi su uomini e costumi a illustrazione delle avventurose esperienze da loro vissute, nonch rapporti verbali e documenti scritti ispirati dall'ambiente naturale e dalla variet sociale. Questa Associazione si dichiara lieta di sottoscrivere il principio in base al quale alle spese di viaggio provvedono in proprio gli stessi Inviati speciali. L'Associazione stessa, inoltre, non ha obiezioni a che, ferme restando le suddette condizioni, i membri della citata sezione svolgano le loro ricerche per tutto il tempo che riterranno opportuno. Questa Associazione, nel valutare la proposta, formulata dai membri della citata sezione di Inviati speciali, di tenere a proprio carico le spese postali e di trasporto dei pacchi si compiace di accoglierla e delibera che ne sia data comunicazione agli interessati, come di fatto avviene, con il presente atto. Questa Associazione ritiene tale proposta degna delle nobili menti che l'hanno ispirata e con il presente atto significa la propria incondizionata adesione alla stessa.

...

Ogni anno partecipa alla gran festa della famiglia di Mr Wardle; in questa e in altre occasioni sempre accompagnato dal fedele Sam: fra lui e il padrone esiste un affetto saldo e reciproco che nulla, tranne la morte, potr spezzare.

 

Incipit originale

THE PICKWICKIANS

The first ray of light which illumines the gloom, and converts into a dazzling brilliancy that obscurity in which the earlier history of the public career of the immortal Pickwick would appear to be involved, is derived from the perusal of the following entry in the Transactions of the Pickwick Club, which the editor of these papers feels the highest pleasure in laying before his readers, as a proof of the careful attention, indefatigable assiduity, and nice discrimination, with which his search among the multifarious documents confided to him has been conducted.

'May 12, 1827. Joseph Smiggers, Esq., P.V.P.M.P.C. [Perpetual Vice-President--Member Pickwick Club], presiding. The following resolutions unanimously agreed to:--

'That this Association has heard read, with feelings of unmingled satisfaction, and unqualified approval, the paper communicated by Samuel Pickwick, Esq., G.C.M.P.C. [General Chairman--Member Pickwick Club], entitled "Speculations on the Source of the Hampstead Ponds, with some Observations on the Theory of Tittlebats;" and that this Association does hereby return its warmest thanks to the said Samuel Pickwick, Esq., G.C.M.P.C., for the same.

'That while this Association is deeply sensible of the advantages which must accrue to the cause of science, from the production to which they have just adverted--no less than from the unwearied researches of Samuel Pickwick, Esq., G.C.M.P.C., in Hornsey, Highgate, Brixton, and Camberwell--they cannot but entertain a lively sense of the inestimable benefits which must inevitably result from carrying the speculations of that learned man into a wider field, from extending his travels, and, consequently, enlarging his sphere of observation, to the advancement of knowledge, and the diffusion of learning.

'That, with the view just mentioned, this Association has taken into its serious consideration a proposal, emanating from the aforesaid, Samuel Pickwick, Esq., G.C.M.P.C., and three other Pickwickians hereinafter named, for forming a new branch of United Pickwickians, under the title of The Corresponding Society of the Pickwick Club.

'That the said proposal has received the sanction and approval of this Association. 'That the Corresponding Society of the Pickwick Club is therefore hereby constituted; and that Samuel Pickwick, Esq., G.C.M.P.C., Tracy Tupman, Esq., M.P.C., Augustus Snodgrass, Esq., M.P.C., and Nathaniel Winkle, Esq., M.P.C., are hereby nominated and appointed members of the same; and that they be requested to forward, from time to time, authenticated accounts of their journeys and investigations, of their observations of character and manners, and of the whole of their adventures, together with all tales and papers to which local scenery or associations may give rise, to the Pickwick Club, stationed in London.

'That this Association cordially recognises the principle of every member of the Corresponding Society defraying his own travelling expenses; and that it sees no objection whatever to the members of the said society pursuing their inquiries for any length of time they please, upon the same terms.

'That the members of the aforesaid Corresponding Society be, and are hereby informed, that their proposal to pay the postage of their letters, and the carriage of their parcels, has been deliberated upon by this Association: that this Association considers such proposal worthy of the great minds from which it emanated, and that it hereby signifies its perfect acquiescence therein.'

 

torna su

David Copperfield

Traduzione di Ugo Dttore

La trama

Romanzo pubblicato a puntate mensili tra il 1849 e il 1850. Considerato il capolavoro di Dickens, fu l'opera pi cara all'autore per l'elemento autobiografico delle sue pagine, in cui egli rivisse le esperienze dell'infelice fanciullezza: David, il protagonista che narra in prima persona la sua odissea, Dickens stesso. La complessa trama del romanzo serve di pretesto all'autore per esercitare un'acuta analisi critica di tutte le classi sociali del suo tempo, i cui rappresentanti sono ricreati in una galleria di personaggi indimenticabili: Mr. Murdstone, il crudele patrigno che costringe David a una misera esistenza a cui il ragazzo cerca di trovare conforto nell'amicizia di Micawber, una delle pi felici creazioni dickensiane; Betsy Trotwood, la zia bizzarra dal buon cuore; la rude e fedele governante Peggotty; l'ipocrita e disonesto Uriah Heep. Meno riusciti, perch convenzionali, il personaggio di Dora, la moglie - bambina destinata a morte prematura, e quello di Agnes, accanto alla quale David finir per trovare la serenit.

torna su

"David Copperfield", 1850 - Frontespizio della prima edizione - Londra, British Museum

 "David Copperfield", 1850 - Frontespizio della prima edizione - Londra, British Museum

 

David Copperfield

Incipit

I VENGO AL MONDO

Se io debba risultare l'eroe della mia vita, o se questo posto debba essere tenuto da un altro, lo mostreranno queste pagine. Per iniziare il racconto della mia vita con l'inizio stesso della mia esistenza, dir che sono nato (cos mi hanno detto e lo credo) un Venerd, a mezzanotte in punto. Fu notato che cominciammo, l'orologio a suonare e io a vagire, nello stesso istante. In considerazione del giorno e dell'ora della mia nascita, la balia e alcune sagge donne del vicinato che si erano vivamente interessate a me parecchi mesi prima che ci fosse una qualche possibilit che io ne fossi personalmente informato, dichiararono, primo, che ero destinato a una vita infelice; e, secondo, che avrei avuto il dono di vedere spiriti e fantasmi. Essendo queste due prerogative inevitabilmente proprie, a quanto esse credevano, di tutti gli sfortunati bamboli di ambo i sessi nati nelle tarde ore della notte di un venerd.

...

 

Incipit originale

I AM BORN

Whether I shall turn out to be the hero of my own life, or whether that station will be held by anybody else, these pages must show. To begin my life with the beginning of my life, I record that I was born (as I have been informed and believe) on a Friday, at twelve o'clock at night. It was remarked that the clock began to strike, and I began to cry, simultaneously.

In consideration of the day and hour of my birth, it was declared by the nurse, and by some sage women in the neighbourhood who had taken a lively interest in me several months before there was any possibility of our becoming personally acquainted, first, that I was destined to be unlucky in life; and secondly, that I was privileged to see ghosts and spirits; both these gifts inevitably attaching, as they believed, to all unlucky infants of either gender, born towards the small hours on a Friday night.

 

torna su

Grandi speranze

(Great expectations)

Traduzione di Marisa Sestito

Incipit

Pirrip era il cognome di mio padre e Philip il mio nome di battesimo, ma la mia lingua infantile non riusc a cavarne nulla di pi lungo o pi esplicito di Pip. Sicch cominciai a chiamare me stesso Pip e Pip mi chiamarono gli altri.

...

 

Incipit originale

My father's family name being Pirrip, and my Christian name Philip, my infant tongue could make of both names nothing longer or more explicit than Pip. So, I called myself Pip, and came to be called Pip.

 

torna su

Il nostro comune amico

(Our mutual friend)

Traduzione di Filippo Donini

Incipit

LIBRO PRIMO LA COPPA E LE LABBRA

I ALL'ERTA

Ai nostri giorni (non necessario indicare l'anno con maggiore esattezza) una barca d'aspetto sporco e poco rassicurante, con dentro due persone, andava sul Tamigi tra il ponte di Southwark, che di ferro, e il ponte di Londra, che di pietra, sul finire di una sera d'autunno.

...

 

Incipit originale

ON THE LOOK OUT

In these times of ours, though concerning the exact year there is no need to be precise, a boat of dirty and disreputable appearance, with two figures in it, floated on the Thames, between Southwark bridge which is of iron, and London Bridge which is of stone, as an autumn evening was closing in.

 

torna su

Tempi difficili

(Hard Times)

Traduzione di Gianna Lonza

Incipit

LIBRO PRIMO LA SEMINA

I L'UNICA COSA NECESSARIA

Ora quello che voglio sono Fatti. A questi ragazzi e ragazze insegnate soltanto Fatti. Solo i Fatti servono nella vita. Non piantate altro e sradicate tutto il resto. Solo con i Fatti si plasma la mente di un animale dotato di ragione; nient'altro gli torner mai utile. Con questo principio educo i miei figli, con questo principio educo questi ragazzi. Attenetevi ai Fatti, signore!.

...

 

Incipit originale

'NOW, what I want is, Facts. Teach these boys and girls nothing but Facts. Facts alone are wanted in life. Plant nothing else, and root out everything else. You can only form the minds of reasoning animals upon Facts: nothing else will ever be of any service to them. This is the principle on which I bring up my own children, and this is the principle on which I bring up these children. Stick to Facts, sir!'

 

torna su

Canto di Natale

(A Christmas Carol)

Traduzione di Maria Luisa Fehr

Incipit

Il fantasma di Marley

Marley era morto, tanto per cominciare. Non c'era dubbio su ci: il suo atto di morte era firmato dal pastore, dal coadiutore, dall'uomo delle pompe funebri e dal capo dei piagnoni. L'aveva firmato anche Scrooge, ed il nome di Scrooge alla borsa degli scambi valeva per qualunque cosa a cui egli decidesse di metter mano. Il vecchio Marley era morto come il chiodo di un uscio.

...

 

Incipit originale

Marley's Ghost

Marley was dead: to begin with. There is no doubt whatever about that. The register of his burial was signed by the clergyman, the clerk, the undertaker, and the chief mourner. Scrooge signed it. And Scrooge's name was good upon 'Change, for anything he chose to put his hand to. Old Marley was as dead as a door-nail.

 

torna su

Oliver Twist

Incipit

OVE SI NARRA DEL LUOGO IN CUI NACQUE OLIVER TWIST E DELLE CIRCOSTANZE CONCERNENTI LA SUA NASCITA 

Fra i vari edifici pubblici di una certa citt, che per diverse ragioni sar prudente astenersi dal menzionare, e alla quale non attribuir nessun nome fittizio, ce n' uno da sempre comune alla maggior parte di esse, grandi o piccole che siano: vale a dire un ricovero per mendicanti. L nacque, in un giorno e anno che non mi preoccuper di precisare, visto che allo stato la cosa non riveste alcuna importanza per il lettore, il rappresentante del genere umano il cui nome precede l'inizio di questo capitolo.

...

 

Incipit originale

TREATS OF THE PLACE WHERE OLIVER TWIST WAS BORN AND OF THE CIRCUMSTANCES ATTENDING HIS BIRTH

Among other public buildings in a certain town, which for many reasons it will be prudent to refrain from mentioning, and to which I will assign no fictitious name, there is one anciently common to most towns, great or small: to wit, a workhouse; and in this workhouse was born; on a day and date which I need not trouble myself to repeat, inasmuch as it can be of no possible consequence to the reader, in this stage of the business at all events; the item of mortality whose name is prefixed to the head of this chapter.

 

torna su

Impressioni dall'Italia (Impressioni d'Italia)

(Pictures from Italy)

Romanzo

Incipit

Se i lettori di questo volume saranno cos benevoli da assumere come propri i punti di vista dell'autore sui svariati luoghi oggetto delle sue reminiscenze, forse potranno visitarle, con l'immaginazione, in modo pi gradevole e con una comprensione maggiore di quella che potrebbero aspettarsi. I numerosi libri che sono stati scritti sull'Italia, offrono molti strumenti per studiare la storia e le intricate vicende di questo interessante paese. Io non ho utilizzato che una piccola parte di questa messe di informazioni; per tutto ci che ho scritto ho fatto ricorso a quanto ho conservato in me, un archivio facilmente accessibile che render disponibile ai miei lettori.

...

 

Incipit originale

THE READER'S PASSPORT

If the readers of this volume will be so kind as to take their credentials for the different places which are the subject of its author's reminiscences, from the Author himself, perhaps they may visit them, in fancy, the more agreeably, and with a better understanding of what they are to expect.

Many books have been written upon Italy, affording many means of studying the history of that interesting country, and the innumerable associations entwined about it. I make but little reference to that stock of information; not at all regarding it as a necessary consequence of my having had recourse to the storehouse for my own benefit, that I should reproduce its easily accessible contents before the eyes of my readers.

 

torna su

Una storia tra due citt (Le due citt)

(A tale of two Cities)

Romanzo

Incipit

Erano i giorni migliori, erano i giorni peggiori, era un'epoca di saggezza, era un'epoca di follia, era tempo di fede, era tempo di incredulit, era una stagione di luce, era una stagione buia, era la primavera della speranza, era l'inverno della disperazione, ogni futuro era di fronte a noi, e futuro non avevamo, diretti verso il paradiso, eravamo incamminati nella direzione opposta.

...

 

Incipit originale

The Period

It was the best of times, it was the worst of times, it was the age of wisdom, it was the age of foolishness, it was the epoch of belief, it was the epoch of incredulity, it was the season of Light, it was the season of Darkness, it was the spring of hope, it was the winter of despair, we had everything before us, we had nothing before us, we were all going direct to Heaven, we were all going direct the other way...

 

torna su

Dombey e figlio

Dombey and son

Incipit originale

Dombey and Son

Dombey sat in the corner of the darkened room in the great arm-chair by the bedside, and Son lay tucked up warm in a little basket bedstead, carefully disposed on a low settee immediately in front of the fire and close to it, as if his constitution were analogous to that of a muffin, and it was essential to toast him brown while he was very new.

Dombey was about eight-and-forty years of age. Son about eight-and-forty minutes. Dombey was rather bald, rather red, and though a handsome well-made man, too stern and pompous in appearance, to be prepossessing. Son was very bald, and very red, and though (of course) an undeniably fine infant, somewhat crushed and spotty in his general effect, as yet. On the brow of Dombey, Time and his brother Care had set some marks, as on a tree that was to come down in good time - remorseless twins they are for striding through their human forests, notching as they go - while the countenance of Son was crossed with a thousand little creases, which the same deceitful Time would take delight in smoothing out and wearing away with the flat part of his scythe, as a preparation of the surface for his deeper operations.

 

torna su

La piccola Dorrit

Little Dorrit

Incipit originale

Sun and Shadow

Thirty years ago, Marseilles lay burning in the sun, one day.

A blazing sun upon a fierce August day was no greater rarity in southern France then, than at any other time, before or since. Everything in Marseilles, and about Marseilles, had stared at the fervid sky, and been stared at in return, until a staring habit had become universal there. Strangers were stared out of countenance by staring white houses, staring white walls, staring white streets, staring tracts of arid road, staring hills from which verdure was burnt away. The only things to be seen not fixedly staring and glaring were the vines drooping under their load of grapes. These did occasionally wink a little, as the hot air barely moved their faint leaves.

 

torna su

Martin Chuzzlewit

Life and adventures of Martin Chuzzlewit

Incipit originale

INTRODUCTORY, CONCERNING THE PEDIGREE OF THE CHUZZLEWIT FAMILY

As no lady or gentleman, with any claims to polite breeding, can possibly sympathize with the Chuzzlewit Family without being first assured of the extreme antiquity of the race, it is a great satisfaction to know that it undoubtedly descended in a direct line from Adam and Eve; and was, in the very earliest times, closely connected with the agricultural interest. If it should ever be urged by grudging and malicious persons, that a Chuzzlewit, in any period of the family history, displayed an overweening amount of family pride, surely the weakness will be considered not only pardonable but laudable, when the immense superiority of the house to the rest of mankind, in respect of this its ancient origin, is taken into account.

 

torna su

Nicholas Nickleby

Incipit originale

Introduces all the Rest

There once lived, in a sequestered part of the county of Devonshire, one Mr Godfrey Nickleby: a worthy gentleman, who, taking it into his head rather late in life that he must get married, and not being young enough or rich enough to aspire to the hand of a lady of fortune, had wedded an old flame out of mere attachment, who in her turn had taken him for the same reason. Thus two people who cannot afford to play cards for money, sometimes sit down to a quiet game for love.

 

torna su

 

Altre monografie:

 

Bibliografia

  • I Grandi Classici della Letteratura Straniera Gruppo Editoriale L'Espresso - Garzanti
  • Enciclopedia Rizzoli Larousse
  • L'UNIVERSALE La Grande Enciclopedia Tematica Garzanti

 

 

Questa pagina stata aggiornata il 06/08/10

 

 

 

Puoi contattarmi su Skype:

Skype Me!

Pagine principali:

Home Collescipoli Andar per sagre Umbria in costume Cene Medievali Segnalibri Libri in 2 righe C'era una volta... Filastrocche ecc Al Bar o ... Links Guestbook